#Xylella: il dolce far nulla di Emiliano fa ridere (e preoccupare) tutta Europa

Il dramma che ruota attorno alla Xyella è l’emblema dell’arroganza e dell’inconcludenza di Emiliano; lo dice il ministro del suo stesso partito: è colpa del suo dolce far nulla se si avvierà una nuova procedura di infrazione ai danni dell’Italia.

Da tre anni, grazie allo straordinario lavoro degli scienziati pugliesi, sappiamo che gli ulivi seccano mortalmente, ne conosciamo la causa e – anche se non ci piacciono – pure i rimedi per evitare la diffusione del contagio. E’ evidente ormai a tutti che se si fosse proceduto per tempo a interventi vigorosi su primi ulivi infetti, oggi non ci troveremmo in questa situazione.Ma Emiliano – che non ha ancora compreso che il nemico è la Xylella, non la Commissione Europea, non misteriose multinazionali, non gli scenziati né i proprietari – continua a brancolare nel buio facendo ridere l’Europa. La Regione acceleri sui monitoraggi e intervenga subito sulle piante malate nella zona ancora indenne recuperando lo spirito del piano del Commissario Straordinario al quale, dopo le Sentenze delle principali Corti nazionali e comunitarie, qualcuno – non solo Emiliano – dovrebbe chiedere scusa. Soprattutto si eroghino a proprietari e agricoltori vittime della pluriennale inerzia della sinistra i milioni di € stanziati ma dei quali si sono perse le tracce.

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo (26 Giugno 1979) è un avvocato e politico italiano. Nato a Poggiardo (LE), è cresciuto a Minervino di Lecce, dopo aver conseguito la Maturità Classica al Liceo Classico “F. Capece" di Maglie, si laurea in Giurisprudenza, all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, discutendo una tesi in Diritto Regionale sullo Statuto della Regione Puglia. Sposato con Giuliana, padre di due figlie: Nora e Lia. Eletto in consiglio regionale per la prima volta nel 2010, rieletto al secondo mandato alle elezioni regionali 2015. Già Segretario Regionale della Lega Salvini Premier PUGLIA. Eletto Parlamentare Europeo alle elezioni del 26 maggio 2019.

Potrebbero interessarti anche...