XYLELLA: LEGGE COMUNISTA FINALMENTE IMPUGNATA, GIUNTA RINUNCI A DIFENDERE LA LEGGE E SI OCCUPI DELL’EMERGENZA

Lo avevamo detto e l’impugnativa della norma innanzi alla Corte Costituzionale da parte del Governo lo conferma: quello varato dalla sinistra regionale è un provvedimento incostituzionale, una compressione senza precedenti della proprietà privata e della libertà di iniziativa economica dei pugliesi. 
Quella legge impedisce alle vittime della colpevole inerzia della sinistra e della sua mancata lotta alla Xylella, ovvero ai pugliesi che hanno subito l’infezione e l’eradicazione dei propri arbusti, di ottenere per anni alcuna modifica della destinazione d’uso dei loro terreni. Una roba non solo dal retrogusto, ma dal sapore pienamente comunista ovvero liberticida.
Da 930 giorni, cioè da quando è nota l’epidemia di Xylella, la sinistra, con la sua inazione e il suo tratto demagogico, favorisce la diffusione del contagio ormai fuori controllo e giunto alle porte del barese e del tarantino.
Per questo la Regione rinunci adesso a difendere in giudizio una legge indifendibile e si occupi del vero problema della Puglia, del suo ambiente e del suo settore agricolo e vivaistico: il flagello della Xylella.

Purtroppo, ad oggi, non registriamo alcun sforzo concreto in questa direzione.

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo (26 Giugno 1979) è un avvocato e politico italiano. Nato a Poggiardo (LE), è cresciuto a Minervino di Lecce, dopo aver conseguito la Maturità Classica al Liceo Classico “F. Capece" di Maglie, si laurea in Giurisprudenza, all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, discutendo una tesi in Diritto Regionale sullo Statuto della Regione Puglia. Sposato con Giuliana, padre di due figlie: Nora e Lia. Eletto in consiglio regionale per la prima volta nel 2010, rieletto al secondo mandato alle elezioni regionali 2015. Già Segretario Regionale della Lega Salvini Premier PUGLIA. Eletto Parlamentare Europeo alle elezioni del 26 maggio 2019.

Potrebbero interessarti anche...