Bimbo con grave sindrome: intervenga #Emiliano

Corriere del Mezzogiorno Bari, di sabato 25 marzo 2017, pagina 2

Caroppo (FI) «Disumano, intervenga Emiliano» non posso II restare impassibile davanti a uno dei tanti pugliesi dimenticati». Sono le parole del capogruppo di FI In Consiglio regionale, Andrea Caroppo (foto) che interviene sulla vicenda del piccolo foggiano afflitto da una grave sindrome e le cui cure ricadono interamente sulle spalle dei genitori. «Un piccolo cittadino pugliese chiede solo di vivere e di essere assistito — afferma Caroppo —, sarà pure comodo e finanziariamente conveniente lasciarlo privo di assistenza, ma è disumano. Non voglio strumentalizzare, ma Emiliano risolva il caso ad horas o la vicenda approderà anche nelle aule del Consiglio regionale». Caroppo si unisce quindi all’appello lanciato pubblicamente dai genitori del piccolo «e di tutti i pugliesi con gravi disabilità che vogliono affrontare la sfida della vita, ma anziché vicinanza e sostegno incontrano lontananza e distacco o, peggio, l’abbandono terapeutico e assistenziale. I diritti non si affievoliscono a causa della malattia, anzi) . E si rivolge poi direttamente al governatore Michele Emiliano: «Anche se non assicura consensi elettorali e la presenza di telecamere, questo bimbo, al pari di altri pugliesi, necessita di cure domiciliari specifiche che non gli vengono fornite. Cominciamo a prendercene cura o uccidiamo la sua speranza e la sua vita?».

**************

Quotidiano Foggia, di sabato 25 marzo 2017, pagina 12

Bimbo foggiano con grave sindrome Caroppo (FI): “Niente alibi per la burocrazia, garantire l’assistenza domiciliare continuativa” «Il burocratese con cui si giustifica la mancanza di assistenza non lenisce il dolore della carne viva dei drammi quotidiani della gente. Un piccolo cittadino pugliese chiede solo di vivere e di essere assistito: sarà pure previsto (e finanziariamente conveniente) lasciarlo privo di assistenza continuativa, ma è disumano. Davanti a uno dei tanti pugliesi dimenticati non ci si può nascondere dietro commi e circolari: occorrono modifiche per garantire assistenza domiciliare continua a determinate patologie e situazioni specifiche». Lo dichiara il capogruppo di FI in Consiglio Regionale, Andrea Caroppo, con riferimento alla vicenda del bimbo di un anno di Fbggia affetto da una gravissima patologia ma privo della necessaria assistenza domiciliare continuativa, a dire del Direttore Dip. Salute, Ruscitti, non prevista dalle normative.

«Mi unisco -prosegue- ail’appeilo di questa famiglia e di tutti i pugliesi con gravi disabilità, che vogliono affrontare la sfida della vita ma anziché vicinanza e sostegno incontrano lontananza e distacco o, peggio, l’abbandono terapeutico e assistenziale giustificato solo da esigenze di contenimento della spesa (che andrebbe contenuta altrove). La risposta del Dipartimento Salute della Regione Puglia è insoddisfacente: è burocratese.

Mentre -conclude Caroppobuona parte del Parlamento è impegnata pia nella promozione di un presunto diritto a morire che non nella difesa del vero diritto di ciascuno di noi a vivere e ad essere curato e assistito, voglio rivolgere anch’io un appello a Emiliano: anche se non assicura consensi elettorali e la presenza di telecamere, questo bimbo, al pari di altri pugliesi, necessita di cure domicilia-ri specifiche che non gli vengono fornite, perché la burocrazia dice che non sono previste. Che facciamo, uccidiamo la sua speranza e la sua vita?»

**************

E Polis Bari, di sabato 25 marzo 2017, pagina 8

CAROPPO (FI) “Disumano non aiutare ìl bimbo di Foggia” II capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Andrea Caroppo (nella foto), torna sulla drammatica vicenda del bimbo foggiano di un anno affetto da malattia rara per le cui cure la famiglia chiede un aiuto alla Regione per l’assistenza domiciliare. Aiuti, ha spiegato il direttore del dip. Politiche della salute, Ruscitti, già assegnati. “Il burocratese con cui si giustifica la mancanza di assistenza – dice Caroppo – non lenisce il dolore dei drammi quotidiani della gente. Un piccolo cittadino pugliese chiede solo di vivere e di essere assistito: sarà pure previsto (e finanziariamente conveniente) lasciarlo privo di assistenza continuativa, ma è disumano. Davanti a uno dei tanti pugliesi dimenticati non ci si può nascondere dietro commi e circolari: occorrono modifiche per garantire assistenza domiciliare continua a determinate patologie”.

 

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo

Andrea Caroppo (26 Giugno 1979) è un avvocato e politico italiano. Nato a Poggiardo (LE), è cresciuto a Minervino di Lecce, dopo aver conseguito la Maturità Classica al Liceo Classico “F. Capece" di Maglie, si laurea in Giurisprudenza, all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, discutendo una tesi in Diritto Regionale sullo Statuto della Regione Puglia. Sposato con Giuliana, padre di due figlie: Nora e Lia. Eletto in consiglio regionale per la prima volta nel 2010, rieletto al secondo mandato alle elezioni regionali 2015. Già Segretario Regionale della Lega Salvini Premier PUGLIA. Eletto Parlamentare Europeo alle elezioni del 26 maggio 2019.

Potrebbero interessarti anche...